IAN GIOVANNI SOSCARA

2017 / 17 October

Lui, lei e “L’altra”. Appunti di coppia.


Appunti di coppia. 

Ho conosciuto l’altra più di dieci anni fa, similmente a quando ho incontrato te.

L’altra non amava mostrarsi in pubblico, era più timida, ma non impacciata, sovente la incontravo dopo aver discusso con te, spesso il giorno dopo.

Che coincidenza mi chiedevo e domandavo a lei se fosse di queste parti e a te, se l’avessi mai vista.

Con una scusa chiedevo informazioni, cercavo di capire che lavoro facesse, se fosse impegnata o altro.

Tu eri cupa e forse gelosa di lei, ti arrabbiavi solo a nominarla.

L’altra appariva gentile e decisa, forse consapevole di cosa voglia dalla vita o forse no, ma questo non è mai stato un problema, anzi.

L’altra sorrideva, sorride spesso, non è una stupida, lei sorride per prima a se stessa.

L’altra mi guardava e distoglieva lo sguardo, poi lo rifaceva fissandomi, mi provocava, mi provoca, gioca con me e sa comprendermi e quando non è d’accordo, me lo dice e mi fa una carezza.

L’altra l’ho aspettata per anni e ora, ora potrebbe essere mia, se solo non ci fossi tu.

Più volte siamo arrivati vicini l’uno all’altra, ci siamo sfiorati, abbiamo sentito la scossa dell’attrazione e la dolcezza del contatto.

Il calore della pelle e l’intensità dell’incontro senza regole.

A volte soltanto l’idea mi ha reso folle, ma non l’ho potuto fare, non ho potuto farne a meno.

L’altra bacia come una canzone, un film, un libro.

L’altra sa amare, abbracciare, stringere, stare in silenzio senza erigere un muro. L’altra sa addirittura litigare, scontrarsi, avanzare e retrocedere. L’altra sa far bene l’amore. Si veste di sorriso e si sveste indossando i suoi più semplici timori e vestiti.

L’altra è bella sempre, se piange e se è triste, lei è nei suoi occhi neri e profondi di dolcezza e pura libertà. L’altra è dunque libera, ma sa concederti di entrare e uscire dal suo mondo. L’altra è sexy e fedele, sa dirmi di no senza rifiutarmi e dice di sì senza riverenza. L’altra ama il mondo e le persone, non si cura di giudicare.

L’altra è distratta come piace a me, incompiuta come tutti noi e imperfetta tanto da canticchiare sottovoce quasi sempre la solita canzoncina.

L’altra non pensa di amarmi, lo fa e basta.

Tu, cupa, grigia e uggiosa, severa, chiusa in te stessa, nella tua rabbia, i tuoi lamenti, i tuoi progetti, quelli compiuti, quelli desiderati, quelli che assomigliano a sogni, quelli che ti hanno delusa e quelli che ti hanno fatta volare, quelli a cui non pensi più e quelli che ti spengono per giorni e infine anche quelli che ti fanno lottare e credere ancora.

Tu, allora, così in collera perenne con il mondo, così gelosa e invidiosa di lei, non ti accorgi che in realtà, l’altra da sempre, in fondo sei tu.

I.G.S.

 

 “E da allora sono perché tu sei,
e da allora sei, sono e siamo,
e per amore sarò, sarai, saremo.”

           PABLO NERUDA

No comments so far.

LEAVE YOUR COMMENT