IAN GIOVANNI SOSCARA

2014 / 9 December

Alberi.


Creature che raccontano il tempo e lo spazio
in un attimo, un secolo e in poco più di qualche metro.
Leggeri e forti danno la mano al cielo e spingono i loro piedi nella terra.
Respirano respirandoci.
Accompagnano il sole, ad uno ad uno sulle loro spalle disegnando l’ombra fresca di mezzogiorno.
Amano la pioggia che gioca e s’infrange pura di foglia in foglia e tra le rughe della corteccia.
Divertono la noia cambiando d’abito ad ogni ballo di stagione.
Ascoltano lieti il fragore del silenzio quando intorno ogni cosa urla.
Vivono accarezzando gli occhi di chi li scopre davvero.
Muoiono nel momento in cui qualcuno smette di ascoltare il loro canto nel vento.

I.G.S.

No comments so far.

LEAVE YOUR COMMENT